Paracapezzoli: Cosa sono e quali Comprare? I migliori modelli (Argento e Silicone)

Jacopo

migliori paracapezzoli

L’allattamento al seno è una delle tappe che caratterizzano la nascita e i primi sviluppi del bebè. Per ogni mamma è una grande emozione nutrire il bimbo in grembo, ma in alcuni casi allattare può creare dei piccoli fastidi.

I paracapezzoli sono uno strumento per prevenire l’insorgere di problematiche legate all’allattamento al seno, o per favorirla. In quali casi conviene utilizzare dei paracapezzoli? E quali sono i migliori in commercio?

Paracapezzoli, che cosa sono?

I paracapezzoli sono dispositivi da applicare ai capezzoli per agevolare l’allattamento al seno del neonato. Possono essere di materiale diversi:

  • silicone;
  • gomma;
  • caucciù;
  • argento.

In ogni caso, è importante che i paracapezzoli vengano utilizzati nel modo giusto, seguendo le indicazioni e i consigli di personale esperto come un’ostetrica o un medico.

Come si applicano i paracapezzoli?

Fondamentale è applicare i paracapezzoli facendo in modo che aderiscano bene alla mammella, adeguandosi alla larghezza del capezzolo della mamma.

Poi, devono essere comodi per la bocca del neonato, adattandosi perfettamente alla sua piccola bocca.

Quando ricorrere ai paracapezzoli?

I paracapezzoli sono un accessorio utile soltanto in determinati casi. Sono infatti ideati per aiutare l’allattamento al seno del neonato e non sono indispensabili se il neonato riesce a succhiare il latte spontaneamente, senza problemi.

In particolare, bisogna ricorrere ai paracapezzoli se:

  • il neonato, dopo la nascita, è stato inizialmente allattato con il biberon, per facilitare il passaggio all’allattamento al seno;
  • il bambino ha un frenulo linguale corto, per agevolare la suzione;
  • il seno della mamma ha capezzoli introflessi o molto appiattiti;
  • il neonato ha un palato molto arcuato, per aiutarlo a succhiare il latte;
  • il neonato non riesce a succhiare in modo soddisfacente, per stimolarlo;
  • i capezzoli della mamma sono irritati, screpolati o disidratati, per dare sollievo e predisporre al meglio il seno per il successivo allattamento.

Paracapezzoli in argento, i migliori sul mercato

I paracapezzoli in argento sono particolarmente indicati nel caso in cui la mamma che allatta soffra di ragadi al seno o che, per via dell’allattamento, i suoi capezzoli abbiano piccoli tagli, siano disidratati o irritati.

I paracapezzoli in argento, infatti, hanno proprietà antibatteriche, svolgono un’azione cicatrizzante e disinfettante. Al tempo stesso, sono estremamente pratici e leggeri.

Dal momento che non contengono nichel e non rilasciano sostanze dannose, sono perfettamente sicuri anche per il neonato. Inoltre, durante il periodo dell’allattamento i capezzoli spesso diventano molto sensibili.

Ecco che, allora, i paracapezzoli in argento danno sollievo, proteggono dal contatto diretto con la stoffa degli abiti, non si attaccano al capezzoli e per questo alleviano da dolore e fastidi.

I paracapezzoli in argento possono essere di dimensioni diverse ed essere adatti anche a taglie di reggiseno inferiori alla terza e a areole dei capezzoli di diametro inferiore e i 4,5 centimetri.

Meglio scegliere quelli in argento 925 certificato, piuttosto che quelli in rame con bagno di argento. Si tratta della soluzione ottimale per le mamme che durante l’allattamento al seno soffrono di ragadi.

Paracapezzoli in silicone. Morbidi e confortevoli

Tra i paracapezzoli più leggeri e facili da utilizzare ci sono quelli in silicone, dalla superficie morbida, assai simile al tatto a quella della pelle. Il neonato, attaccandosi, prova una sensazione familiare e confortevoli.

Il silicone è un materiale atossico, igienico e sicuro sia per la mamma che per il neonato. I paracapezzoli dalla forma a farfalla permettono l’ottimale contatto tra naso e mento dei bambini con il corpo della mamma, consentendo loro di percepirne l’odore rassicurante.

Molti paracapezzoli in silicone hanno inoltre una superficie sagomata che agevola il passaggio dell’aria e impediscono l’adesione fastidiosa della pelle del neonato.

I paracapezzoli in silicone sono indicati anche nei casi in cui l’attaccamento al seno diventa difficile oppure doloroso, e anche se i capezzoli della mamma sono introflessi.

Durante l’allattamento al seno, proteggono i capezzoli particolarmente sensibili, screpolati o disidratati e donano una bella sensazione di sollievo.

Paracapezzoli su misura

I paracapezzoli su misura, poi, proteggono i capezzoli irritati, favoriscono il contatto fisico mamma-neonato e sono quindi appositamente progettati per favorire l’allattamento al seno e assicurare una perfetta intesa tra il piccolo e la sua mamma.

Le dimensioni dei paracapezzoli sono progettate per offrire un supporto anche nei momenti più difficoltosi dell’allattamento perché proteggono dal dolore. In più, sono facilissimi da pulire e sono dotati di custodie per un igienico trasporto.

Non occupano molto spazio, quindi si inseriscono comodamente nella borsa del neonato e anche in quella della sua mamma.

Paracapezzoli con custodie antipolvere

I paracapezzoli in silicone migliori sono dotati di custodie a prova di polvere, ideali per essere riposti in un luogo asciutto e sicuro tra un allattamento al seno e l’altro. In questo modo gli schermi si mantengono puliti quando non sono in uso.

Paracapezzoli aderenti

I paracapezzoli dotati di adesivo si nascondono ottimamente anche sotto i vestiti più stretti, sono confortevoli perché rimangono ben fermi e aderenti al seno.

Anche per il neonato garantiscono il massimo della funzionalità, in quanto non cascano e gli permettono di attaccarsi al seno e di succhiare il latte in completa comodità. La sostanza adesiva non rimane sui capezzoli dopo l’uso.

Questi paracapezzoli sono anche riutilizzabili, è sufficiente lavarli a mano con sapone caldo e acqua tiepida e poi farli asciugare all’aria. Dopo essersi asciugati i paracapezzoli sono pronti per essere nuovamente indossati, in quanto l’adesivo si riattiva automaticamente.

Paracapezzoli per capezzoli piccoli

Per le mamme con capezzoli piccoli, i paracapezzoli vanno scelti con cura. In commercio si trovano prodotti pensati appositamente per loro, in silicone sottile e chiaro.

Consentono l’allattamento al seno nel caso di problemi come capezzoli piatti e rientranti e proteggono i capezzoli sensibili.

I loro morbidi noduli stimolano con delicatezza il flusso di latte. Prima di acquistare i paracapezzoli per capezzoli piccoli, però, è meglio chiedere il parere di un professionista del settore, come un medico o un’ostetrica.

Paracapezzoli in caucciù

I paracapezzoli in caucciù naturale forniscono un supporto più che valido per tutto il periodo in cui una mamma allatta il proprio neonato al seno.

Sono realizzati in morbido caucciù naturale e proteggono anche i capezzoli irritati, alleviando fastidio e dolore. Inoltre, permettono al piccolo di attaccarsi al seno anche se i capezzoli della mamma sono particolarmente piatti.

Solitamente vengono forniti all’interno di un pratico contenitore sterilizzabile che consente di mantenere i paracapezzoli in perfetto stato quando non vengono utilizzati.